Merano Arte

02_merano arte_foto andreas marini

Merano Arte è un punto d'incontro internazionale per le forme espressive del contemporaneo, una piattaforma nel campo dell'arte figurativa, della fotografia, dell'architettura, della musica, della letteratura e dei nuovi media. Ha sede in un edificio storico dei Portici di Merano, vincolato ai beni culturali e di proprietà della Cassa di Risparmio di Bolzano, detto per questo "Edificio Cassa di Risparmio". Gran parte dell’attività dell'associazione contempla l’organizzazione di mostre personali e collettive di creativi noti a livello internazionale, così come la curatela di esposizioni tematiche dal profilo interculturale. Merano Arte s'inscrive in un’ottica volta alla promozione e valorizzazione delle forme espressive del Novecento così come di quelle più legate alla creatività dei giorni nostri. Uno degli aspetti più sostanziali che ne caratterizza l'attività, è l’idea di promuovere e sostenere gli artisti locali più meritevoli attraverso mostre e iniziative, farli conoscere al pubblico fornendo un percorso che permetta di comprenderne il valore. La promozione degli artisti locali all'estero si sostanzia ogni anno attraverso lo scambio d'artisti in residenza tra la città di Merano e la città di Salisburgo. La residenza e la mostra che ha luogo alla conclusione della permanenza sono rese possibili grazie alla collaborazione con l'Ufficio Cultura del Comune di Merano. La valorizzazione dell’arte e l’educazione a una cultura di tipo interdisciplinare vengono coltivate da Merano Arte attraverso un ampio spettro di iniziative che oltre all’attività espositiva in senso stretto, comprendono tavole rotonde, conferenze, workshop, scambi internazionali e residenze d’artista, concerti e attività con le scuole. Uno degli obiettivi principali dell'associazione, consiste nella sensibilizzazione dei più giovani in materia di arte contemporanea, per questo vengono proposte visite guidate per le scuole e workshop tematici.

Merano Arte è tra le istituzioni altoatesine più attive in materia di architettura contemporanea. La sensibilità nei confronti delle tematiche legate all'architettura non si esaurisce solamente in proposte espositive, ma si sostanzia in iniziative e tavole rotonde volte a sensibilizzare gli abitanti locali nei confronti di argomenti che vanno dalla sostenibilità dei progetti di nuova realizzazione, al risanamento di quelli esistenti, al valore dell'architettura del paesaggio, alle problematiche che riguardano l'urbanistica e il dibattito che concerne l'evoluzione della tradizione architettonica altoatesina nel contemporaneo.

 

Merano Arte cerca il dialogo e il confronto con realtà pubbliche e private. Numerose sono le iniziative realizzate in collaborazione con operatori territoriali, musei, sedi espositive, realtà turistiche.

Dal 2001 il museo è membro di AMACI, associazione dei musei d’arte contemporanea italiani www.amaci.org.

In senso internazionale l'associazione ha stabilito un intenso scambio con i vicini paesi di lingua tedesca. In Italia hanno ospitato mostre realizzate da Merano Arte sedi espositive a Roma, Torino e Venezia. Varie collaborazioni con gallerie e associazioni private hanno avuto luogo con gli altri paesi di tutta Europa.

 

La storia

 

Negli Anni Cinquanta a Merano, personalità come Peggy Guggenheim, Max Ernst, Jackson Pollock, Ezra Pound e l’editore milanese Vanni Scheiwiller, hanno dato lustro alla scena artistica locale e stimolato la realizzazione di mostre di grande rilievo. Il connubio fra Merano e le arti è continuato nei decenni successivi. Nel 1996 infatti, su iniziativa di Herta Torggler e di alcuni appassionati d'arte, con il sostegno di molti artisti locali, si è dato vita al nucleo originale di Merano Arte, allora chiamata art FORUM Gallery. Nel 2001 grazie alla fondazione di 14 soci, la galleria è diventata l’Associazione bilingue Kunst Meran Merano Arte. Sulla base dei buoni risultati conseguiti sino ad allora, la Cassa di Risparmio di Bolzano decise di diventare sponsor principale dell'associazione e concedere l'utilizzo dell'edificio di sua proprietà. Nel 2001 gli architetti Höller & Klotzner hanno risanato e adattato gli spazi in modo da poter creare una galleria per l'arte contemporanea. Il totale della superficie è di 500 mq, le sale si sviluppano su tre piani e all'ultimo piano è a disposizione un atelier per artisti e curatori. Al piano terra, si trova un bookshop accessibile direttamente dai Portici. Dopo la ristrutturazione, il 26 ottobre 2001 Merano Arte ha inaugurato la nuova sede con la mostra “Arte e benessere – estetica del riposo". Nel 2011 ha festeggiato il decennale di attività nell'Edificio Cassa di Risparmio, proponendo la mostra “Tony Cragg – In 4D”, in collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia e le gallerie Michela Rizzo e Caterina Tognon.

 

Mostre in programma

 

ITALOMODERN 1+ 2: Architettura nell'Italia settentrionale 1946 – 1976. Una panoramica dell’architettura del dopo guerra nell'area dell'Italia settentrionale

 

Inaugurazione: venerdì 22 Aprile 2016 19.00

Durata della mostra: 23 Aprile 2016 – 19 Giugno 2016

 

Nel 2011 Martin e Werner Feiersinger grazie alla mostra “ITALOMODERN” e alla pubblicazione del volume omonimo, offrivano una panoramica esaustiva dell’architettura del dopoguerra sviluppatasi nell’area dell'Italia settentrionale. La selezione operata dall'architetto Martin Feiersinger e dell'artista Werner Feiersinger proponeva una serie di architetture ascrivibili alle correnti del neorealismo, del razionalismo, del brutalismo e dell'architettura organica. Il successo e il grande interesse suscitato da “ITALOMODERN 1” ha spronato Martin e Werner Feiersinger a proseguire la loro attività di ricerca, i cui risultati hanno condotto alla nascita di “ITALOMODERN 2”.

“ITALOMODERN 1” e “ITALOMODERN 2” vengono presentate per la prima volta insieme a Merano Arte.

Da 20 anni Merano Arte è impegnata nella proposta di mostre che hanno come tema l’architettura moderna e contemporanea nelle regioni dell’arco alpino, per sensibilizzare il pubblico riguardo questa tematica, ed è lieta di poter ospitare nel 2016 una mostra tanto stimolante. La panoramica offerta dall'esposizione è una grande sintesi nella quale trovano posto sia progetti celebri che meno noti. Scevra da censure ideologiche e formali, la mostra offre uno spaccato di 30 anni di sviluppo architettonico nell'Italia del nord e in Alto Adige. Accanto agli edifici di Edoardo Gellner a Corte di Cadore e di Armando Ronca a Bolzano, vengono presentati al pubblico anche quelli progettati da Ettore Sottsass, Vico Magistretti, Carlo Scarpa e da altre icone dell’architettura regionale, realizzati nel lasso di tempo interessato dalla mostra. Queste strutture – che a volte appaiono esotiche all’interno della scena architettonica locale – insieme agli esempi provenienti da altre regioni, offrono una panoramica ricca di variazioni.

Con un focus su espressioni architettoniche uniche e sperimentali - non necessariamente spettacolari - la mostra raccoglie 220 esempi di edifici, che costituiscono delle espressioni esemplari per comprendere un periodo di progresso culturale ed economico, nel corso del quale si riconosceva all’architettura la possibilità di plasmare il futuro. Si va dalle piccole palazzine ad uso abitativo, fino al gigantismo degli odierni complessi residenziali, dalle architetture funzionaliste, ai progetti audaci o edifici del tutto singolari realizzati da architetti non necessariamente noti al grande pubblico. 

 

aldo bernardis terrazza a mare lignano sabbiadoro 1969  72_foto werner feiersinger

Archivio Musei del mese

GAM - Galleria d'Arte Moderna di Torino

01.08.2016

  La storia La Galleria Civica d'Arte Moderna e contemporanea di Torino è un Museo vivace, r
Museo del Novecento

27.04.2016

Il Museo del Novecento di Milano, all’interno del Palazzo dell’Arengario in piazza del Duomo,
Merano Arte

16.03.2016

Merano Arte è un punto d'incontro internazionale per le forme espressive del contemporaneo, una p
Museo Ettore Fico di Torino

09.01.2016

Il Museo Ettore Fico di Torino è un luogo propulsore di processi di crescita culturale e di aggre
HangarBicocca di Milano

12.10.2015

HangarBicocca è un’istituzione dedicata alla promozione e alla produzione dell’arte contempor

Ultim'ora

La Sicilia a confronto negli scatti di Capuana, Verga e Argentiero
  Presso la Sala del Grechetto di Palazzo Sormani di Milano sarà inaugu
Esposta a New York per la prima volta l'opera dimenticata di Canova
Sarà in mostra dal 28 ottobre al 1 novembre nella fiera dell’arte TEFAF di
Dentro Caravaggio
  Il 29 settembre, giorno di nascita dell'artista, si è inaugurata a Pa
Milano XL - La festa della creatività italiana
  Dal 16 al 26 settembre, durante la settimana della moda, sette grandi
Longobardi. Un popolo che cambia la storia
Un grande evento internazionale, la più importante mostra mai realizzata sui