Per i 150 anni delle relazioni tra Giappone e Italia, una mostra su Murakami Takashi

Dal 25 gennaio al 25 febbraio, a Bologna, saranno esposte cinquanta opere dell'artista contemporaneo giapponese Murakami Takashi,in galleria Cavour, in una mostra che rientra nel programma del 150/o anniversario delle relazioni tra Giappone e Italia. Artista, scultore e pittore giapponese. Le sue opere, ispirate dai temi e dagli stili cari all'iconografia di massa del suo paese, sono icone monumentali della cultura e della società del Giappone contemporaneo. Murakami è uno degli artisti più noti nel panorama internazionale, nel 2008 la rivista TIME lo ha definito il più influente rappresentante della cultura giapponese contemporanea. Murakami è stato spesso definito un artista pop e paragonato a Andy Warhol per il fatto di essersi lasciato ispirare apertamente dalla cultura di massa.Nelle sue opere sono infatti evidenti i riferimenti all'iconografia degli anime e dei manga. Senza rinnegare l'interesse per l'attività di Warhol, l'artista giapponese ha rivendicato la propria autonomia culturale, e ha dichiarato che i suoi riferimenti estetici sono essenzialmente legati alla cultura pop giapponese e al fenomeno Otaku a partire dal quale Murakami ha definito lo stile Superflat (super piatto). Nella boutique Louis Vuitton saranno esposti i pezzi unici del Patrimonio LV, creati dall'artista nel 2003, quando realizzò per la maison francese Superflat Monogram, e nel 2009 il sequel Superflat First Love. La mostra dal titolo 'Kirakirà: lo scintillante mondo di Murakami Takashi', curata da Alessio Marchi, è realizzata nell'ambito di Art City Bologna, in occasione di Arte Fiera, un cartellone unitario di iniziative che si rinnova nella prospettiva di un importante percorso di riconfigurazione in cui l'attivazione di una collaborazione più ampia con la città punta a rafforzare il ruolo culturale della più longeva mostra-mercato italiana dedicata all'arte moderna e contemporanea. Dalla volontà condivisa di costruire una proposta culturale sempre più integrata nasce infatti la nuova sezione progettuale ART CITY Polis in cui rientrano principalmente rassegne e interventi di artisti contemporanei specificamente concepiti in dialogo con le caratteristiche peculiari degli spazi espositivi e dei luoghi storici in cui si inseriscono. Due sono gli sguardi distinti e complementari che convergono in questo programma incentrato sul tema della città: il dialogo tra cornice storica e ricerca artistica contemporanea, e la riflessione sulla convivenza civile.L'artista ha creato attraverso la Hiropon Factory, oggi Kaikai Kiki Co, un mondo intriso di tradizione giapponese e cultura pop, dove ha sublimato le paure più forti della società nipponica, come la bomba atomica e lo tsunami, raccontato ed esorcizzato nel ciclo di 'Arhat'. Murakami è legato, oltre che al mondo della moda, a quello della musica, con William Pharrell e Kanye West.

murakami

 

Archivio Musei del mese

GAM - Galleria d'Arte Moderna di Torino

01.08.2016

  La storia La Galleria Civica d'Arte Moderna e contemporanea di Torino è un Museo vivace, r
Museo del Novecento

27.04.2016

Il Museo del Novecento di Milano, all’interno del Palazzo dell’Arengario in piazza del Duomo,
Merano Arte

16.03.2016

Merano Arte è un punto d'incontro internazionale per le forme espressive del contemporaneo, una p
Museo Ettore Fico di Torino

09.01.2016

Il Museo Ettore Fico di Torino è un luogo propulsore di processi di crescita culturale e di aggre
HangarBicocca di Milano

12.10.2015

HangarBicocca è un’istituzione dedicata alla promozione e alla produzione dell’arte contempor

Ultim'ora

Gaetano Pesce a Venezia. Cinque tecniche col vetro
    Oltre 50 pezzi della produzione vetraria del celebre architetto,
 Biennale di Venezia, spuntano mani giganti dal Canal Grande
  Support, l'originale installazione di Lorenzo Quinn
 Dai 60’s ai 60’s. Un secolo dopo l’Unità d’Italia, la Pop Art
Gli anni Sessanta dell'Ottocento e gli anni Sessanta del Novecento in un sugge
Picasso e i 100 anni del viaggio in Italia
  L’ esperienza italiana segna profondamente il percorso artistico del
Pellegrino nella scultura. Lo scultore croato Kuzma Kovačić
Definito il “Michelangelo della Croazia”