Al Pan, Palazzo Arti Napoli, il grande Helmut Newton

Al Pan di Napoli arriva Helmut Newton con la mostra dal titolo “Helmut Newton. Fotografie. White Women / Sleepless Nights / Big Nudes”. La rassegna nasce e prende il titolo da un progetto, realizzato nel 2011 per volontà di June Newton, vedova del fotografo e presidente della Helmut Newton Foundation. Si tratta di una raccolta dei primi tre libri del celebre fotografo, pubblicati tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta. L’esposizione, articolata in tre sezioni, intende presentare i temi distintivi dell’immaginario artistico di Newton, permettendo di conoscere il fotografo in maniera più profonda e soprattutto di comprendere fino in fondo il suo lavoro come mai prima d’ora. Le sezioni sono "White Women": nel 1976 Helmut Newton dà alle stampe il suo primo libro monografico, che subito dopo la sua pubblicazione riceve il prestigioso Kodak Photo Book Award. 84 immagini a colori e in bianco e nero in cui per la prima volta il nudo e l’erotismo entrano nel mondo della moda: si tratta di fotografie innovative e provocanti che rivoluzionano il concetto di foto di moda e testimoniano la trasformazione del ruolo della donna nella società occidentale. Visioni che trovano spunto anche nella storia dell’arte, in particolare nella Maya desnuda e nella Maya vestida di Goya del Museo del Prado di Madrid. "Sleepless Nights": pubblicato nel 1978, ruota attorno alle donne, ai loro corpi, abiti, ma trasformando le immagini da foto di moda a ritratti, e da ritratti a reportage di scena del crimine. Si tratta del volume a carattere più retrospettivo che raccoglie in un’unica pubblicazione i lavori realizzati da Newton per diversi magazine (Vogue fra tutti), ed è quello che definisce il suo stile rendendolo un’icona della fashion photography. "Big Nudes": è il 1981 e Newton raggiunge il ruolo di protagonista della fotografia del secondo Novecento, inaugurando una nuova dimensione - misura, quella delle gigantografie che entrano prepotentemente e di fatto nelle gallerie e nei musei di tutto il mondo. Fonte di ispirazione dei  nudi a figura intera ed in bianco e nero ripresi in studio con la macchina fotografica di medio formato, sono stati per  Newton i manifesti diffusi dalla polizia tedesca per ricercare gli appartenenti al gruppo terroristico della RAF.

 

helmut newton

Archivio Musei del mese

GAM - Galleria d'Arte Moderna di Torino

01.08.2016

  La storia La Galleria Civica d'Arte Moderna e contemporanea di Torino è un Museo vivace, r
Museo del Novecento

27.04.2016

Il Museo del Novecento di Milano, all’interno del Palazzo dell’Arengario in piazza del Duomo,
Merano Arte

16.03.2016

Merano Arte è un punto d'incontro internazionale per le forme espressive del contemporaneo, una p
Museo Ettore Fico di Torino

09.01.2016

Il Museo Ettore Fico di Torino è un luogo propulsore di processi di crescita culturale e di aggre
HangarBicocca di Milano

12.10.2015

HangarBicocca è un’istituzione dedicata alla promozione e alla produzione dell’arte contempor

Ultim'ora

Dopo 15 anni tornano ad Amsterdam i due Van Gogh rubati dalla camorra
  Rubate nel 2002, dal Vincent Van Gogh Museum, sono state ritrovate a s
Giacomo Balla
Fino al 26 marzo, insieme per la prima volta, le opere di Balla nelle collezioni
Nasce a Roma il nuovo museo permanente su Leonardo Da Vinci, a pochi passi da San Pietro
Una mostra unica al mondo con una collezione di 50 macchine inedite e le riprodu
A Milano una mostra per i 50 anni di magnifici fallimenti di Oliviero Toscani
Fino al 28 aprile la mostra ospite della Whitelight Art Gallery di Milano, dedic
A Venezia l'universo di Jheronimus Bosch, il pittore olandese di cui ricorre il 500/mo anniversario della morte
Elaborata una app con realtà aumentata e virtuale per vivere le sue più grandi