Biennale di Venezia, spuntano mani giganti dal Canal Grande

 

Due mani titaniche approdano a Venezia per “sostenere” la facciata di Palazzo Morosini Sagredo, noto anche come Ca’ Sagredo, residenza di una delle più illustri famiglie del Patriziato veneto, presenti nel Maggior Consiglio della Repubblica, oggi sede dell’Hotel Ca’ Sagredo: è Support, la maestosa scultura visibile per tutta la durata della Biennale di Venezia 2017 (fino al 26 novembre). Si tratta dell’opera dell’artista internazionale Lorenzo Quinn, figlio dell’attore hollywoodiano Anthony Quinn e della seconda moglie, la costumista veneziana Iolanda Addolori. L’uomo con le sue mani ha il potere di proteggere o distruggere la terra compromettendone gli equilibri globali, Venezia diventa una metafora della fragilità del nostro pianeta: “è una città d’arte galleggiante che per secoli ha ispirato cultura, ma per continuare a essere così ha bisogno del supporto della nostra generazione e di quelle future, perché è minacciata dai cambiamenti climatici e dal decadimento provocato dal tempo”, ha dichiarato l’artista. La scultura è stata realizzata nella sua fonderia catalana con l'antico processo di cera persa, echeggia la meticolosa esecuzione e la tecnica dei maestri del passato. “Volevo scolpire quello che è considerato la parte più difficile e più tecnicamente impegnativa del corpo umano. La mano tiene tanto potere - il potere di amare, odiare, creare, distruggere- spiega Quinn". Support è promossa da Halcyon Gallery e da Ca’ Sagredo Hotel. Per tutto il periodo dell’esposizione, all’interno dell’Hotel Ca’ Sagredo saranno in mostra alcune versioni di altre opere di Lorenzo Quinn, fra cui Leap of Faith [Atto di Fede], esposto all’Hermitage Museum di San Pietroburgo nel 2011, The Four Loves [I quattro Amori] e Love [Amore], collocate in Berkeley Square e Millbank a Londra nel 2017.

Ultim'ora

L'altro sguardo. Fotografe italiane 1965-2018
Oltre duecento scatti e libri di originali fotografe italiane dalla met
Biennale di Architettura di Venezia 2018: il dono dello spazio
La Mostra Internazionale di Architettura 2018: il dono dello spazio   L
Gruppo esperienziale. Un modo di dialogare con l’opera di Cesare Tacchi
"Gruppo esperienziale Un modo di dialogare con l’opera di Cesare Tacchi" con
Imago Mundi approda alle Gallerie delle Prigioni
Imago Mundi, il progetto vagabondo di Luciano Benetton, ha trovato dimora nell
Le donne di Picasso nei Palazzi pugliesi
Il progetto espositivo dal titolo “L’altra metà del cielo” porterà il

Newsletters

Name:
Email:
Mailing Lists:
ArtWireless
Nazione
Autorizzo trattamento dati personali

ArtEconomy - Il Sole 24 ORE

ArtEconomy ArtEconomy - Il Sole 24 ORE
  • Dal 1995 sono 12 i passaggi in asta, percentuale di venduto 50%. Diplomatosi nel 1985 all’École Nationale Supérieure des Arts Décoratifs di Parigi risiede a Berlino dal 1999 al 2000. Si dedica al cinema, al teatro, all’arte visiva, con cui rivive passioni e avventure (è stato in Antartico con ...

  • Direttore: Fondata nel: Città:

  • In questi giorni si è conclusa la 28ᵃ edizione di London Art Fair, un appuntamento dedicato all'arte moderna britannica e al contemporaneo. Alla fiera hanno partecipato 126 gallerie provenienti in parte dal Regno Unito e in parte dall'estero. Gli ...