La Strage degli Innocenti protagonista ad Aosta

Presso il Museo Archeologico Regionale di Aosta si tiene la mostra-dossier “La Strage degli innocenti. Manifesto del Raffaellismo di Guido Reni” dedicata al capolavoro dell’artista bolognese.
Dal 13 gennaio al 18 febbraio sarà esposta al pubblico la pala d'altare realizzata nel 1611 da Reni per la cappella Berò nella Chiesa di San Domenico a Bologna, ora appartenente alla Pinacoteca nazionale di Bologna. Per una migliore fruizione dell’opera, che nella sua ampiezza (268x170 cm) racconta l'episodio narrato nel Vangelo di Matteo in cui Erode ordinò un massacro di bambini allo scopo di uccidere Gesù, presente un supporto multimediale per comprenderne al meglio la storia, lo stile e il metodo adottato per la realizzazione. I curatori Elena Rossoni e Mario Scalini, oltre a puntare i riflettori sulla maestria dell’artista, intendono evidenziarne l’influenza di Raffaello, tramite l’accostamento alla pala d’altare di un altro capolavoro: si tratta della “Testa di Madonna” attribuita a Raffaello e in prestito dalle Gallerie Estensi di Modena, che permette di notare immediatamente il 'raffaellismo' di Reni.
“La Strage degli Innocenti – commenta il curatore Mario Scalini – è con ogni probabilità il dipinto più noto di Guido Reni, divenuto il punto di riferimento più pregnante per la comprensione dell’iter del maestro, che da sempre viene contrapposto alla figura di Caravaggio. Da un punto di vista schiettamente artistico è importante rendersi conto del percorso costruttivo dell’immagine per comprendere meglio i contenuti filtrati dall’artista e voluti dal committente. Innanzi tutto si deve prendere atto del forte richiamo a Raffaello che, intenzionalmente, il maestro volle attuare”.

Ultim'ora

100 opere tra le rovine archeologiche del Palatino
Fino al 29/10, la mostra "Da Duchamp a Cattelan. Arte contemporanea sul Palati
L'altro sguardo. Fotografe italiane 1965-2018
Oltre duecento scatti e libri di originali fotografe italiane dalla met
Biennale di Architettura di Venezia 2018: il dono dello spazio
La Mostra Internazionale di Architettura 2018: il dono dello spazio   L
Gruppo esperienziale. Un modo di dialogare con l’opera di Cesare Tacchi
"Gruppo esperienziale Un modo di dialogare con l’opera di Cesare Tacchi" con

Newsletters

Name:
Email:
Mailing Lists:
ArtWireless
Nazione
Autorizzo trattamento dati personali

ArtEconomy - Il Sole 24 ORE

ArtEconomy ArtEconomy - Il Sole 24 ORE
  • Dal 1995 sono 12 i passaggi in asta, percentuale di venduto 50%. Diplomatosi nel 1985 all’École Nationale Supérieure des Arts Décoratifs di Parigi risiede a Berlino dal 1999 al 2000. Si dedica al cinema, al teatro, all’arte visiva, con cui rivive passioni e avventure (è stato in Antartico con ...

  • Direttore: Fondata nel: Città:

  • In questi giorni si è conclusa la 28ᵃ edizione di London Art Fair, un appuntamento dedicato all'arte moderna britannica e al contemporaneo. Alla fiera hanno partecipato 126 gallerie provenienti in parte dal Regno Unito e in parte dall'estero. Gli ...